9 agosto 2010

Percorsi zen e supercalifragilistichespiralidosi eventi



[Immagine: Jeff Wall]


Un tale che osservo da un po’, tutte le mattine, compie gli stessi movimenti, percorre lo stesso percorso, svolge le stesse attività; eccezion fatta per il sabato, la domenica e i giorni festivi. Anche in questi tre casi, però, tutti i sabati, le domeniche e i giorni festivi, sono vissuti allo stesso modo. Qualcuno direbbe: ”Se sei un po’ nervoso un motivo ci sarà”[cit]. Quel tale, però, è calmissimo: un uomo zen! Io, sarei nervosa, lui è calmo. Beato lui. Beato lui? No, che dico? Mi giustifico così: dire qualche idiozia mi allontana da quel tale!
Sapete, la lettura de La coscienza di Zeno o de L’idiota o, preferibilmente, di entrambi, può cambiarti la vita. Forse la cambierebbe anche al tale, probabilmente, uno di questi giorni glielo dirò, gli comparirò davanti all’improvviso, gli sbarrerò la strada e gli affonderò tra le braccia i due romanzi dicendogli: “Sarai un po’ nervoso ed un motivo ci sarà”. Forse no. Forse li leggerà e, quando avrà finito, inizierà a rompere gli schemi, a stravolgere la sua vita zen rendendola una vita supercalifragilistichespiralidosa. Forse non sarà neppure un po’ nervoso per chissà quale motivo. 
L'ho fatto! Patapum! Un ruzzolone. Me l’aspettavo, lo aspettavo. Il tale non ha retto l’affondo dei romanzi, è a terra, mi guarda impietrito e, senza dire una parola, abbandona il mio prezioso regalo sull’asfalto e va via indignato, percorrendo lo stesso, immutabile, medesimo… insomma, noioso percorso.
Non riesco a staccare lo sguardo dall’asfalto, mi concedo una fugace occhiata al tale che va via: stesso passo, stessi movimenti, stessa strada, stessa…
Sorrido, guardo l’orologio del campanile della chiesa e sorrido: il tempo! Danzo al suono dei rintocchi dell’orologio e penso: il tempo!In quel preciso e oliato meccanismo sono riuscita a mutare l’elemento più prezioso: il tempo!
Il tale non è più zen, sembra nervoso ed io ne conosco il motivo, sorrido ancora raccogliendo i miei due preziosi romanzi e vado via pensando: “Ho dimenticato Mary Poppins!"
La coscienza di Zeno o L’idiota o, preferibilmente, entrambi possono cambiarti la vita, ma senza un poco di zucchero e il coraggio di tuffarsi in un disegno a gessetto, la pazzia e l’idiozia mancano di qualcosa. Non è necessario capiate. Non era necessario neppure scrivere, forse. Forse, perché questa storia io volevo raccontarla anche solo per far dispetto al tale, anche solo per farlo ruzzolare. Patapum!
 



[ringrazio Svevo e Dostoevskij per tutte le volte che mi hanno dato spunti supercalifragilistichespiralidosi e mi dispiace davvero tanto non poter trascorrere una serata in loro compagnia.
ringrazio Ligabue, perché "Vivo morto o X" ci sta sempre.
ringrazio Jeff Wall per aver riassunto la mia storia con un solo scatto e
Sario per avermi fatto conoscere Jaff Wall e questa foto che è la sua preferita.
ringrazio i Modena per questa canzone [punto]

ringrazio la mia maestra delle elementari per tutti i temi idioti che mi assegnava.
ringrazio Mary Poppins, perché senza di lei il "tale" non so proprio dove avrei potuto pescarlo.
ringrazio me stessa per riuscire a pescare senza mai averlo fatto.
ringrazio anche mamma per la parmigiana che sta cucinando
....poi, vorrei ringraziare anche tante altre persone, ma ho sonno, non se l'abbiano a male.]

8 commenti:

  1. Oh, non c'è di che Lorenzo :)

    RispondiElimina
  2. ed io ringrazio te per avermi fatto scoprire questo blog così interessante.

    RispondiElimina
  3. Ciao Andrea, benvenuta nel mio piccolo pozzo di pensieri!

    RispondiElimina
  4. oh! è un vero piacere. Bello questo post, scorre come un bicchiere d'acqua frizzante.

    RispondiElimina
  5. attenta che c'è un pizzico di peperoncino, no, lo dico nel caso fossi allergica.

    RispondiElimina
  6. Questa è in assoluto la mia foto preferita *_* Sai che c'è voluto più di un anno per scattarla?

    RispondiElimina
  7. me l'ha già detto qualcuno, per la precisione mio fratello :P

    [Grazie per la scoperta Sario]

    RispondiElimina